GIORNATA DELLA BIODIVERSITA' / DAN BIODIVERZITETE

Quali progetti didattici si possono sviluppare con le guide di SiiT?

IDENTIFICAZIONE, BIODIVERSITA’ E DIDATTICA

PROGETTI EDUCATIVI

di Bob Press (Natural History Museum, London), tradotto e modificato da Pier Luigi Nimis (Università di Trieste)

 

Alla scoperta dei nomi usando un palmare


Identificare un organismo è sempre un mezzo per raggiungere un fine, mai un fine in sé. L’identificazione ci permette di associare un nome a un organismo, ma questo può essere solo un inizio: il nome è la chiave per conoscere numerosi altri aspetti della sua biologia, ecologia, distribuzione, ecc. Di seguito elenchiamo alcune aree che si possono esplorare e utilizzando le chiavi di identificazione come base per esperienze di apprendimento di tutti i tipi.

Biodiversità La biodiversità è la diversità della vita animale e vegetale in un determinato luogo o habitat. Uno studio può essere limitato ad una piccola zona, un habitat particolare o un particolare gruppo di organismi. La generazione di un semplice elenco di (ad esempio) piante o uccelli può essere utile per spiegare la biodiversità. Quante specie ci sono? Alcune sono più comuni di altre? E perché?

Ecologia L’ ecologia riguarda l'interdipendenza degli organismi con il loro ambiente. Potete creare liste di specie per due diversi habitat e metterle a confronto: è una base per spiegare l'ecologia - specie diverse sono adattate a diversi habitat. Si può continuare indagando gli adattamenti morfologici e comportamentali ai diversi ambienti.

Dispersione Come fanno gli organismi a conquestare nuove aree? Potete suddividere glli organismi della vostra lista a seconda delle loro strategie di dispersione. Come fanno a diffondersi facilmente su lunghe distanze e colonizzare nuove aree? Questo funziona particolarmente bene con le piante.

Biogeografia-distribuzione La Biogeografia è lo studio della distribuzione della biodiversità nello spazio e nel tempo. Essa mira a rivelare le aree ove sono presenti gli organismi viventi. Si può studiare la biogeografia anche su qualsiasi area piccola o locale, indagando una siepe, un terreno abbandonato, un muro. Quali specie sono native del paese/regione e quali sono state introdotte dall’uomo? Da dove provengono queste ultime? Quando come e perché sono giunte sino da noi? Le cause sono le più varie, dalle modifiche dell’ambiente naturale all’inquinamento, dall’introduzione di certe colture alle migrazioni degli uccelli.

Cultura e storia economica Ricerche simili a quelle di Biogeografia, ma con l'accento sugli aspetti storici, come il commercio con determinate regioni del mondo e la coltivazione di sostegno alle industrie locali.

Uso della biodiversità Come selezioniamo gli organismi che hanno un’utilità pratica Perché e in che modo ne abbiamo scelti alcuni e non altri per scopi particolari? Un esempio è quello di individuare gli alberi di strada in una zona. Perché sono state piantate queste specie e non altre (spesso più comuni)? Forse per via della loro forma (per evitare di ostacolare il traffico, per fare ombra, per il valore ornamentale, per le foglie che cadono rapidamente in un breve periodo ed intasano le fognature, ecc ), o per altre ragioni.

Studi ambientali La presenza-assenza di certi organismi può dirci molte cose sugli effetti dell’uomo sull’ambiente. Tipico è il caso dei licheni così sensibili all’inquinamento ambientale, o la presenza-assenza di certe piante ed animali acquatici che ci indica il grado di inquinamento dei corpi idrici. Per studiare i cambiamenti nel tempo servono indagini ripetute in periodi diversi, ma il confronto di dati contemporanei in siti urbani e rurali può essere rivelatore.

Novità

Partner / Projektni partnerji

Università di Trieste, Dip. di Scienze della Vita (Lead Partner), Prirodoslovni Muzej Slovenije, Ljubljana, Univerza na Primorskem -Università del Litorale  Koper/Capodistria, Università di Padova, Dip. di Biologia, Zavod Republike Slovenije za šolstvo Ljubljana, Comune di San Dorligo della Valle - Občina Dolina, Consorzio del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente del Friuli Venezia Giulia (ARPA - FVG), Gruppo di Azione Locale Venezia Orientale (GAL Venezia Orientale - VEGAL), Triglavski Narodni Park, Univerza v Novi Gorici

 

Progetto Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera (SiiT): finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.

Projekt Interaktivna določevalna orodja za šole (SIIT): spoznavanje biotske pestrosti na čezmejnem območju sofinancirana v okviru Programa čezmejnega sodelovanja Slovenija-Italija 2007-2013 iz sredstev Evropskega sklada za regionalni razvoj in nacionalnih sredstev.



© Copyright 2011 SiiT.
All rights reseverd.